Federica Zammarchi

(Chianciano Terme 26 ottobre 1973), cantante, compositrice ed arrangiatrice jazz, insegnante, residente a Roma. Dopo aver preso la laurea in Filosofia (nel ramo demo-etnoantropologico) presso l'Università degli Studi di Siena nel 2000, è approdata alla musica, facendone la sua professione. Ha conseguito il diploma in jazz presso il Conservatorio Licinio Refice di Frosinone, sotto la guida di Ettore Fioravanti, con una tesi dal titolo “Il Jazz e le Compositrici: il lato creativo delle donne del jazz, da Bessie Smith ai giorni nostri”. Ha partecipato a numerosi seminari tra i quali quelli tenuti da Norma Winstone, Mark Murphy, Bob Stoloff, Maria Pia de Vito, Uri Cane, Cinzia Spata, Giovanni Tommaso ed Enrico Pieranunzi. Ha deciso di dedicarsi alla composizione ed all'arrangiamento, studiando con Pierpaolo Principato e dopo con Bruno Tommaso ed altri. Si è esibita per molti festival ed eventi come il “Villa Celimontana Jazz Festival” e il “Roma Jazz Festival” presso la Casa del Jazz (alternandosi in palco con Norma Winstone). Da qualche anno insegna canto e teoria a Roma presso l‟Accademia Romana di Musica e la scuola di musica “Artidee”. Ha inciso “Fires„n Pyres”, un CD con i suoi brani originali, e sta preparando un altro progetto discografico con un repertorio di lavori originali scritti da jazz-women di tutti i tempi. Per i suoi lavori scrive sia la musica che i testi: “Dreamin‟ e Tangolidio” (2006), “Dido‟s Pure”, “Ice Flower”, “Serena Stabile” (2007), “She called me “Sister” (2008), “Jazz Oddity”, un progetto di rielaborazione ed arrangiamento per formazione jazz di brani di David Bowie.