Cristina Mazza

(Milano, 20 Luglio 1955) Sassofonista, compositrice, autrice jazz. E’ stata tra le prime donne italiane a suonare il sassofono professionalmente. Ha fondato la band "Mantra" e nel 1983 si è diplomata in sassofono presso il Conservatorio Giambattista Martini di Bologna. Nel 1986 è invitata alla rassegna "Il Nuovo Suono del Jazz Italiano", organizzata dall'Associazione “Musica Oggi”. Il suo primo cd "Kkann” risale al 1988. L’anno seguente ha incontrato Reggi Workman con il quale ha inciso alcuni brani in duo. Nel 1992 al Combo Jazz Club di Imola ha conosciuto la vocalist Lorena Fontana con la quale ha iniziato una collaborazione che porta, nel 1994, alla pubblicazione del cd "Lanxatura". Tra le sue composizioni: Where are you? (1990); Blue shift (1999); Hard beauty (1999); The place for my hair (1999); E-waste (2004).

Daniela Maddalena

(Messina, 28 settembre 1961). Residente a Milano dal 1986, è diplomata in Pianoforte e Didattica e Pedagogia della Musica. Ha studiato percussioni con Andrea Dulbecco e musica jazz con Marco Detto, Lorenzo Erra, Paolo Tomelleri e Guido Manusardi. Ha collaborato con molti enti di produzione musicale, come compositrice, pianista ed assistente musicale (RAI, Aslico, Suonodonne, Provincia e Regione Lombardia) e successivamente con diversi teatri europei per l'opera "Dienstag aus Licht" di Karlheinz Stockhausen, incluso il Conservatorio di Como, il Conservatorio di Piacenza, il Tempio Universale Ogen'in di Tokio, e con molti centri di formazione, e varie formazioni cameristiche. Ha vinto, con Antonio Grande, il concorso nazionale di composizione di un'opera per ragazzi "Z. Kodaly", indetto dal Petruzzelli di Bari, con l'opera "Il castello dei destini incrociati", Ed. Ricordi. Ha pubblicato "Il cretino cognitivo" (Carabà 1997), pamphlet sull'idiozia comunicativa. Insegna Lettura Analisi Percezione, ed Educazione percettiva al Conservatorio di Milano. Le sue più recenti composizioni sono: Land and Ocean – lirica per voce e pianoforte, scritta nell'aprile 2006, eseguita per l'inaugurazione del Tempio universale Ogen'n, Tokio, 2006; Higan, per violino e pianoforte eseguita a Shinnyo en Italia, 2006; Naomilonga, milonga per Naomi, per voce e pianoforte; Ichinyorag, ragtime per flauto, violino violoncello, contrabbasso e pianoforte: Madre Tomoji, lirica per voce e pianoforte, 2008.

Daniela Manusardi

(Milano, 12 Luglio 1978) Ha compiuto gli studi di pianoforte e composizione presso il Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, dove si è diplomata in pianoforte nel 1999 e successivamente in composizione, studiando con Elisabetta Brusa e Mario Garuti. Nel 2002 è stata ammessa alla prestigiosa Accademia Musicale Statale di Trossingen in Germania. Svolge attività concertistica sia in veste di solista sia in formazioni di musica da camera nell’ambito di numerosi festival nazionali ed internazionali. Sue composizioni sono state eseguite durante il “Festival per il 150° anniversario della Steinway and Sons”, la “Stiftung O.Alt” di Hamm in Germania e “Nuove musiche per nuovi interpreti” di Bergamo. Ha effettuato registrazioni discografiche radiotelevisive in Italia e in Svizzera per la Radio della Svizzera Italiana, M.A.P., Limenmusic. Tra le sue opere: Lieder per voce e pianoforte; Klavierstuecke; Gabbiani – Lied su testo di V. Cardarelli per voce e piccola orchestra; Preludi, per pianoforte e Derrièr regard de la nuit – per violino e pianoforte.