Ada Gentile

(Avezzano 26 luglio 1947), pianista, compositrice, didatta residente a Roma da oltre 40 anni. Nata in una famiglia numerosa (la più piccola di dieci figli) dove ognuno suonava uno strumento, ha cominciato gli studi del pianoforte a quattro anni, proseguendoli con Artalo Satta e Guido Agosti, diplomandosi nel 1972 al Conservatorio San Pietro a Majella con Vincenzo Vitale. Nel 1968 è entrata al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma dove si è diplomata in composizione con Irma Ravinale, frequentando poi il corso di perfezionamento con Goffredo Petrassi all‟Accademia Nazionale di Santa Cecilia. Solo per un anno, ha intrapreso un‟attività concertistica ma dopo il diploma di composizione si è dedicata esclusivamente alla creazione musicale ed all‟attività didattica. E‟ diventata docente di pianoforte complementare nel 1972 al Conservatorio di Trieste, in seguito al Conservatorio di Frosinone prima di arrivare al Conservatorio di Santa Cecilia dove ha insegnato sino al Novembre 2005. Si è affermata in concorsi nazionali ed internazionali di composizione e le sue opere sono state eseguite in sedi prestigiose: “Centre Pompidou” di Parigi, “Carnegie Hall”, “Lincoln Center” di New York, “Teatro Reale” di Madrid, “Concertgebouw” di Amsterdam, “Mozarteum” di Salisburgo, “Sejong Center” di Seoul, “Art Institute” di Chicago, “Gartner Platz Theater” di Monaco di Baviera, Teatro “La Fenice” di Venezia, “Parco della Musica” di Roma. E‟ stata invitata a tenere conferenze in importanti università americane (Juilliard School, Northwestern, Berkeley), in varie città europee e nei conservatori di Pechino, Shangai, ed all‟Academy of Performing Arts di Hong Kong. Ha scritto oltre settanta opere musicali molte delle quali incise in CD. E‟ stata consigliere della biennale di Venezia (dal 1993 al 1997) e direttore artistico del Teatro Lirico di Ascoli Piceno (dal 1996 al 1999). E‟ presidente della sezione AGIMUS di Roma e, dal 1978, direttore artistico del festival di musica contemporanea “Nuovi Spazi Musicali” che si svolge annualmente a Roma. La Gentile scrive soltanto su "commissione" perché in questi casi l'esecuzione del brano è garantita e perché è particolarmente interessata alla ricerca timbrica. Tra le sue opere ricordiamo: "Quartetto III", per archi (2000), "Supplica a mia madre" (2000), "Piccolo studio da concerto" (2004), "Monodia", per orchestra d‟archi (2005), "Madre ragazza", per orchestra d'archi, testo di Dacia Maraini (2007), "Staccato dal mondo"(2008), “Un‟ansia di pace”, per grande orchestra, coro e voce recitante (su testi di S. Quasimodo e Ivana Manni) eseguita nella Cattedrale di Taranto (2008), “Ho scritto una canzone”, per archi, eseguita al Parco della Musica nel 2008 e dedicato ad Ennio Morricone, “Nobilissimo ballo”, eseguita nella Cattedrale di Noto nel 2008 , “Notti di gatto”, per soprano e bayan, (Linz 2009), “Duo a battente”, per flauto e clavicembalo, (Roma 2009).